I peggiori aeroporti del mondo: triste primato dell’Italia

Possiamo cercare di tirarci su il morale affermando di non essere in testa a questa classifica di negatività, ma con tre aeroporti tra i 10 peggiori aeroporti d’Europa, l’Italia non ha di che festeggiare. Unica piccola consolazione è di vedere in lista anche i nostri cugini francesi con 2 aeroporti in lista.

Il sito Sleeping in airport comunque non risparmia nessuno inserendo in classifica anche l’aeroporto principale della precisissima Berlino, Tegel.

Diamo insieme un’occhiata agli aeroporti peggiori d’Europa in modo da essere preparati al nostro prossimo viaggio in Europa.

10- Fiumicino Al decimo posto di questa classifica negativa lo scalo principale della capitale italiana. Sembra che qualche passo avanti rispetto all’anno scorso con l’inserimento del wireless e anche delle prese elettriche a disposizione dei viaggiatori, ma ben poco è stato fatto per la comodità dei sedili e per la pulizia, anche se c’è da dire che in poco più di mezz’ora dall’aeroporto si raggiunge il centro della città senza molte difficoltà.

9- Modlin Mazovia (Varsavia) Nonostante i passi avanti nel miglioramento dei servizi, i posti a sedere degli utenti sono ancora pochissimi.

8- Luton (Londra) Raggiungere il centro della città richiede circa un’ora, il wi-fi è a pagamento e di notte viene interrotto e i posti a sedere sono ridottissimi. Comprare un low cost per londra su luton significa affrontare una certa scomodità sicuramente.

7- Orly (Parigi) Anche se è l’aeroproto più vicino al centro di Parigi la struttura è decisamente vecchia e antiquata, anche se si è cercato di superare questa empasse con wi-fi gratuito per 15 minuti e punti di ristoro abbastanza economici.

6- Girona Scomodo e vecchio, non ha posti a sedere e ben pochi punti di ristoro. Unico punto a favore è che, nonostante i 91 km di distanza, è possibile raggiungere Barcellona in circa un’ora.

5- Ciampino Ricompare l’Italia, e soprattutto Roma con il suo secondo scalo, dedicato principalmente ai voli Low Cost. L’aeroporto è assolutamente scomodo, chiassoso, freddo e anche mal collegato con il centro città.

4- Tegel (Berlino) Chi si sarebbe mai aspettato di ritrovarsi i tanto precisi e puntuali tedeschi in lista! Eppure Tegel, il principale scalo di Berlino, occupa la quarta posizione ad un soffio dal podio. L’aeroporto risale al 1970 e ormai avrebbe bisogno di una riadattata ai tempi moderni e all’enorme afflusso di turisti di oggi: code a non finire agli imbarchi, pochi posti a sedere,e prezzi ben poco competitivi per raggiungerlo.

3- Orio al Serio (Bergamo) Se si considera che in molti lo utilizzano per arrivare a Milano c’è da chiedersi perchè non venga ristrutturato in modo adeguato. Pulizia scadente, scarsi servizi, niente wi-fi e niente prese elettriche.

2- Hahn (Francoforte)Unico punto positivo i prezzi competitivi dei voli per il resto l’altro aeroporto di Francoforte è molto più adeguato oltre che più vicino alla città.

1- Beauvais (Parigi) Lo sappiamo Parigi adora i primati e anche questo gli spetta con il suo secondo scalo cittadino. A parte le tariffe neanche con impegno si trovano punti a favore. Lontano dalla città, non collegato, si raggiunge Parigi sono con navetta con un’ora e mezza di viaggio, sale poco accoglienti e pochissimi posti a sedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *