5 cose da sapere prima di partire: consigli di viaggio in caso di overbooking, volo cancellato, perdita del bagaglio

sunset-planePartire per le vacanze significa prepararsi a numerosi inconvenienti e questo perchè una vacanza non è sempre tutta rose e fiori anche se si spera vada tutto bene e ci si riesca a rilassare dopo tanto stress lavorativo. Quali sono le paure più grandi del viaggiatore più grande e come affrontarle? Vediamole insieme per evitare futuri problemi.

Cancellazione o ritardo volo.

Se il volo è in ritardo la compagnia aerea deve comunque garantire al passeggero in attesa pasti per la durata dell’attesa e due telefonate. Secondo la Corte di Giustizia Europea un ritardo superiore a tre ore può essere equiparato ad una cancellazione quindi il passeggero può richiedere un indennizzo. In caso di cancellazione del volo invece il passeggero può sentirsi proporre o una riprotezione, che significa quindi essere imbarcato sul primo volo disponibile per la stessa destinazione, oppure il rimborso totale del biglietto pagato entro 7 giorni.

Oltre ciò non è conosciuto a molti che la compagnia aerea dovrebbe corrispondere al passeggero anche un indennizzo che dovrebbe essere di un importo che va dai 250€ ai 600€ a seconda della tratta aerea che il passeggero aveva prenotato. La compagnia può evitare questo secondo compenso solo se dimostra che la cancellazione è dovuta a circostanze eccezionali come scioperi o condizioni climatiche particolari.

Overbooking.

Parola misteriosa che qualcuno s’è trovato ad affrontare senza capire bene di cosa si tratta. In caso di overbooking nonostante il passeggero disponga di un biglietto regolare, non viene fatto salire sul volo che risulta già pieno. Si tratta di un eccesso di prenotazioni che la compagnia affronta chiedendo se ci sono volontari che vogliano abbandonare il volo in cambio, naturalmente, di alcuni benefici. Oltre a godere dei benefici, chi rinuncia al volo ha diritto ad una riprotezione oppure al rimborso totale del biglietto entro sette giorni.

Danneggiamento o perdita del bagaglio.

Controllate di non perdere il talloncino del bagaglio che vi viene rilasciato all’imbarco e che viene generalmente attaccato proprio alla carta d’imbarco. per il bagaglio che infatti risulta registrato e perso la compagnia risarcisce fino a 1167€. Questo importo non si può eccedere a meno che, dovendo imbarcare cose di valore, voi prima della partenza non facciate una “dichiarazione di maggior valore” pagando anche un supplemento in modo che in caso di smarrimento vi venga risarcito l’importo dichiarato prima della partenza. Appurato lo smarrimento bisogna denunciare immediatamente il bagaglio perso all’ufficio Lost & found e presentare di conseguenza un reclamo alla compagnia aerea.

Furti in albergo o danni.

Se non avete cassetta di sicurezza potete richiedere la custodia degli oggetti di valore alla reception. Se viene smarrito o danneggiato qualcosa che avete affidato all’albergo, il rimborso non ha tetto massimo, ma il cliente deve provare di aver affidato alla reception gli oggetti, richiedete quindi sempre una ricevuta di ciò che lasciate. Per il furto in camera il rimborso è più difficile perchè spetta swempre al cliente l’onere della prova di aver lasciato un particolare oggetto in camera. Sperando che le vostre vacanze vadano bene sottolineiamo comunque alla vostra attenzione che, in materia di trasporto aereo, per ogni disagio per aerei che partono da aeroporti della comunità europea, la normativa base è il Regolamento Ue 2004/261 CE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *